Mac-addicted: pensate di essere al sicuro dagli hacker? State in campana!

protezione informatica mac

Tutti i falsi miti degli utilizzatori di Mac computer

Fino ad ora, avete avuto soltanto tre certezze nella vita: la morte, le tasse e considerare i Mac come i dispositivi più sicuri sulla faccia della terra.

Ricredetevi, non è esattamente così e vi spieghiamo il perché.

Apple e OS X nascono certamente come sistema chiuso, un prodotto di nicchia, nato per consentire l’installazione di applicazioni solo se scaricate direttamente dall’App Store. Insomma, un sistema capace di attingere applicazioni da una fonte super sicura (almeno in apparenza).

Tuttavia, pur condivisa da molti esperti di settore, questa convinzione si è dimostrata non del tutto esatta e molti utenti hanno finito per scontrarsi con la dura realtà.

malware mac protezione

L’Internet Security Report 2019 di WatchGuard Threat Lab, una nota società impegnata in sicurezza informatica, ha evidenziato per la prima volta la pericolosità del Malware per Mac.

Reggetevi.

Non solo gli hacker informatici hanno iniziato a prendere di mira il sistema Apple: ci sono riusciti alla grande.

Il malware mac si è diffuso con una rapidità disarmante tale da rientrare tra le Top 10 di malware più pericolosi e diffusi in tutto il mondo.

Ma la notizia degli attacchi hacker a Mac non è del tutto nuova, già nel 2012 il Trojan noto con il nome di Flashback, è stato in grado di infettare più di mezzo milione di Mac (circa 600.000 unità), interessando l’1% circa degli utenti mondiali. Ricordate sempre che Mac ricopre ancora una fetta di mercato relativamente piccola.

Ma nel 2012, come viene riconosciuto il malware Flashback per Mac? Parliamo di un virus che ingannava gli utenti proponendo inizialmente false scansioni antivirus.

Il prodotto perfetto, che completava il livello di sicurezza di un dispositivo già di per sé impenetrabile. Ecco dove si celava la truffa dell’hacker.

sicurezza informatica mac aziendale

Una volta che l’utente cliccava sul pulsante “Acquista la scansione per Mac”, il botnet si installava a bordo del dispositivo Apple come qualsiasi altro software. Apparentemente nessun pericolo, direte voi.

E invece non è così.

Installandolo, l’utente non faceva altro che permettere al software malevolo di prendere possesso del Mac: immaginate cosa poteva fare un hacker una volta preso il controllo del computer.

Un’andata di Mac zombie ha investito il globo, migliaia di computer incontrollabili e capaci di far guadagnare al loro creatore più di 6000 $ al giorno.

Fortunatamente l’emergenza Mac è stata arginata dalla società di Cupertino, che ha rilasciato delle patch di sicurezza.

Lo sapevi? Circa il 21% del traffico internet è generato da computer controllati da virus: buona parte sono Mac

Questa percentuale vi sembra irrisoria? Provate ad immaginare che in questo 21% una consistente fetta è rappresentata da Mac computer aziendali infetti.

Questo cosa significa? Significa che oltre a mettere in pericolo i propri dati sensibili, queste aziende rischiano di mettere a disposizione degli hacker anche le informazioni relative a dipendenti e collaboratori.

Se la vostra azienda possiede dei Mac aziendali deve essere installato un software endpoint professionale a bordo, la loro integrità è comunque a rischio.

La sicurezza informatica per Mac ha un anello debole ovvero chi si trova tra schermo del pc e la sedia: l’uomo

Tutta colpa delle tecnologie poco sicure? Non sempre.

Per poter far fronte al problema virus per Mac, alle aziende serve un vero e proprio firewall umano ovvero utenti formati e coscienti del problema cyber-security. L’anello debole spesso è il fattore umano.

Senza alcun supporto informatico, il dipendente di un’azienda è responsabile del 52% delle emergenze informatiche, anche se utilizza dispositivi Apple.

Il vero problema è che i Mac-addicted sottovalutano l’importanza della sicurezza informatica

Con ogni probabilità, buona parte delle aziende che utilizzano abitualmente il sistema operativo OS X non sono dotate di una adeguata soluzione antivirus perché “Tanto noi usiamo Mac”.

La diffusione a macchia d’olio dei dispositivi iPhone e MacBook ha reso il bacino di potenziali “vittime” sempre più ampio.

Ciò nonostante, antivirus e analoghi strumenti per garantire ai Mac la sicurezza massima tendono a essere visti ancora oggi più come un “fastidio” che come risorsa. Eppure, i MacBook basano il loro funzionamento sul sistema Unix, oggetto di ripetuti attacchi hacker.

Ma i pericoli non sono finiti, particolarmente pericolosi sono i malware criptomining per Mac, perfettamente in grado di sfruttare il potenziale delle CPU per produrre cripto valute.

Ma parliamo di dati oggettivi.

Limitiamoci a considerare il mese di Settembre 2018
gli attacchi contro Mac Computer e iPhone sono cresciuti del 400%

Come scoprire se il vostro Mac Computer è infetto?

Hacker e Virus per Mac: come è possibile capire se i dispositivi sono stati colpiti?

Vi diamo un consiglio che esula da qualsiasi buona condotta e conoscenza personale.

Se il vostro computer Apple ha comportamenti strani, non fate gli eroi cercando di trovare una soluzione da soli, chiamate subito il vostro partner di sicurezza informatica.

I campanelli d’allarme che dovrebbero allertarvi in caso di infezione dei Mac sono:

    • un’improvvisa e inattesa lentezza del sistema operativo
    • la fastidiosa (e ripetuta) apertura di finestre sospette mentre si naviga in Rete.

Non sempre significa che avete un malware installato a bordo ma è sempre meglio effettuare un’Analisi di controllo dei dispositivi Apple.

Rivolgendovi al nostro team non sottoporrete gli IT Manager a una mole di lavoro eccessiva e proteggerete come si deve l’intera infrastruttura informatica della vostra azienda. L’esperienza maturata in oltre 10 anni di presenza sul mercato ci consente di proporre servizi di cyber security su misura per Mac Computer.